Gite turistiche

Chiese
chiesa di  ss giorgio e leonardoLa chiesa di San Giorgio e Leonardo la cui fondazione risale ai secoli XVII - XVI fu ricostruita dopo il terremoto del 1688 e consacrata sei anni dopo dal Cardinale Orsini.
La chiesa è stata ricostruita nel 1936 dopo che un incendio provocò la totale distruzione della vecchia Chiesa, seguendo le caratteristiche architettoniche dello stile gotico.
La facciata presenta un portale con arco a sesto acuto, due bifore gotiche laterali, un rosone centrale ed un basso rilievo raffigurante San Giorgio a cavallo sotto il timpano triangolare. All'interno si trova un interessante dipinto parietale con scene sacre collocato alle spalle dell'abside semicircolare della navata maggiore. interno chiesa
Staccata dalla chiesa è la torre campanaria, che nel corso dell'anno 2004 è stata completamente restaurata unitamente all'area di sedime della vecchia Chiesa. La stessa area è diventata una grande terrazza, dalla quale si può ammirare tutta la bellezza della "Valle Caudina". 
Cappella della Confraternita del Ss. Rosario.
Dipinto cappella
 
Risale al Settecento questa piccola chiesa, oggi in fase di ristrutturazione, in cui è conservato un interessante trittico affrescato raffigurante scene tratte dal Nuovo Testamento e risalente al XVIII secolo.
 
Monumenti 
Palazzo baronale
Palazzo BaronalePalazzo del Principe, anche detto Palazzo baronale, costruito nel XVI secolo, impiegando materiale di risulta sottratto al Castello e funse da residenza dei feudatari della Leonessa.
Nel periodo iniziale e nel successivo XVII secolo il Palazzo ebbe il suo periodo di maggior splendore. Venne utilizzato dai feudatari D'Aquino sia come residenza, che come sede per la stipula di atti ufficiali.
                                          
Castello Medioevale
guglia rocciosa
La torre Normanna è in blocchi di tufo e calcare alla cui sommità la guglia rocciosa è di forma quadrangolare con al centro un orologio. Essa è la testimonianza, intatta, della presenza del castello che era arroccato sulla roccia.
torna all'inizio del contenuto